Guerriglia nelle città in Grecia

Resta tesa la situazione in tutto il Paese dopo la morte del 15enne ucciso da un poliziotto nel corso di scontri tra manifestanti e forze dell’ordine ad Atene. L’agente è arrestato con l’accusa di omicidio volontario ma i disordini non si fermano

Nonostante l’agente che ha esploso il colpo sia stato arrestato con l’accusa di omicidio volontario, i disordini non si fermano e dopo i violenti scontri di ieri altre manifestazioni sono previste stasera in tutto il paese. Intanto il ministro dell’Interno Prokopis Pavlopoulos, che ha appena visto respingere le sue dimissioni, invita alla calma e assicura che sull’uccisione del ragazzo sarà fatta piena luce.

5 Risposte to “Guerriglia nelle città in Grecia”

  1. Abbastanza impressionante vero?
    sai cosa mi ha molto colpito? che il ministro dell’Interno greco abbia dato subito le dimissioni (anche se respinte), mentre qui non ci pensava proprio, anzi, dopo un po’ ha occupato un’alta carica parlamentare…
    Oggi i funerali del ragazzo, sarebbe interessante vedere se, come e dopo quanto tempo i responsabili tra le forze dell’ordine sarnno puniti..
    E infine un altro parallelismo (o punto di divergenza), tra la reattività ellenica quando la situazione si è fatta insostenibile e la nostra. Evidentemente la nostra situazione è ancora sostenibile (?)..
    Un saluto.

  2. Io credo che i compagni greci stiano avendo tanto coraggio. E che anche a noi né servirebbe un pò. Non si può continuare a subire angherie in questo modo. Va messa la parola fine alla violenza di Stato.

  3. Hai ragione Andrij83, è ora di ribellarsi!!!!!!!! O c’è ancora chi aspetta Veltroni??????

  4. Mi sembra una rabbia che covava da tanto tempo in una società che non ha più tempo e spazio per i giovani e i loro problemi, e in questo la Grecia non è certo sola

  5. Io credo invece che pensando ai fatti di Genova e quello che sta accadendo in Grecia una riflessione e’ necessaria. Mettendo da parte la rabbia per un attimo e ragionando e chiedendosi la domanda: cosa si vuole ottenere?

    Se tutto finisce come Genova e’ controproducente.

    Se del resto il tentativo e’ quello di sovvertire allora bisogna avere altro tipo di coraggio e armi a disposizione. Non si puo’ mandare gente a mani nude o con un paio di molotof a combattere contro pistole, e carri armati.

    Se l’obiettivo e’ invece piegare il governo su decreti e leggi, allora l’onda ci sta riuscendo benissimo ed anche senza lo scontro di piazza alcune cose si possono ottenere. Solo che secondo me il movimento deve estendersi a livello intenazionale.

    Se l’obiettivo e’ spargere terrore, quella e’ un’altra cosa. E’ i canali credo sono diversi dalla piazza.

    Se l’obiettivo e’ internazionalizzare il movimento degli studenti secondo me bisogna tenere conto di quello che dicono i media contro queste azioni, perche’ e lo dico con franchezza la gente ascolta i telegiornali, legge i quotidiani e ci si puo’ sgolare o scrivere 10.000 blogs, non sara’ facile cambiare l’opinione della gente. Pensiamo come sta’ messa l’Italia con le TV di Berlusconi!! Poi viene da pensare anche che altre nazioni sarebbero forse molto piu’ dure. Pensa questo qui succedesse in Inghilterra, si vedrebbe l’ esercito giu in strada senza problema.

    Se l’obiettivo e’ appoggiare la protesta greca, invito nuovamente a pensare strategicamente perche’ quasi tutti i media stanno parlando del movimento in Grecia come anarchico-insurrezionale che devasta. E non prendetevela con me porco dio, prendetevela con i media. Io riporto quello che osservo!

    La luna, la cazzo della luna non il dito, ricodatevelo.

    Allora secondo me, vi e’ da pensare un attimo se no si finisce sempre che ci si scontra a mani vuote. Si un po’ di rabbia va via ma poi?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: