Israele: crimini contro l’umanità

3 gennaio 2009 – Il racconto di Vittorio Arrigoni (International Solidarity Movement) – intervista di Lucia Tironi (Radio Capital).

Quello che Claudio Pagliara e tutti i Pagliarini non ci fanno vedere

7 Risposte to “Israele: crimini contro l’umanità”

  1. di Giulietto Chiesa – Megachip

    Tutti possono ora leggere l’appello http://www.megachip.info/modules.php?name=Sections&op=viewarticle&artid=8480 , promosso dal parlamentare britannico (laburista) Richard Burden. L’appello – pur con alcuni tratti di “equidistanza” (per la comprensibile esigenza di trovare più vaste alleanze) – pone la questione fondamentale della cessazione del massacro a Gaza e chiama la comunità internazionale a un’azione decisa per fermare l’offensiva israeliana.

    Per questo lo sottoscrivo.

    Ma, nel contempo, rinnovo la mia richiesta a tutti i parlamentari europei, a cominciare da quelli dei gruppi socialista, comunista e verde nordico, a contribuire, almeno con le loro firme, all’azione di protesta.

    Questa proposta vale, nella stessa misura, per i parlamentari italiani.

    Sarebbe utile agli elettori italiani sapere chi sono e quanti sono quelli che prendono le distanze, anche in forma “moderata”, dalla criminale azione del governo israeliano.

    A futura memoria, come si usa dire.

    I dodici professori che rifiutarono di giurare fedeltà al fascismo sono rimasti nella storia dell’Italia. Sarebbe importante sapere chi sono quelli che intendono rimanere al di fuori della storia della civiltà umana in questo frangente.

  2. Quê patêtica y rîdicula es la “visiôn” de aquellos que controlan las informaciones.
    Seguramente , el tratamiento mediâtico hubiese sido muchîsmo mâs honesto si entre los sobrevivientes de la tragedia de Gaza hubise alguno con doble nacionalidad y con un apellido realcionado con el poder econômico.
    Hoy, serîa un candidato al Nobel de la Paz.
    (P.D. …. cualquier semejanza con personajes de al actualidad es simple coincidencia)

  3. mirco pereira Says:

    Buon anno, a tutti, se si puo dire un buon inizio, visto le tragedie che si vedono.
    Se vi interessa, vi dico qui a Cuba, come arrivano le notizie sulla tragedia di Gaza. Non se ne parla molto, cercano di essere equidistanti, dalle posizioni israeliene e palestinesi. Il governo cubano non ha mai visto di buon occhio Hamas, quindi velatamente ne scarica parte delle responsabilità del genocidio israeliano. Ieri è passata una lunga intervista a Abu Mazen, e la richiesta di risoluzione del ONU. Nel pomeriggio, nel notiziario radiofonico delle 18,00 quello ufficiale a reti unificate, c’è stato un lungo attacco ad Hamas e Israele, da parte di un esponente di al-fatah, con la richiesta di un intervento di truppe internazionali a Gaza. Questo è quello che ci raccontano al di qua del oceano.
    Fraterni saluti di pace Mirco.

  4. El gobierno cubano fue uno de los primeros en publicar una declaraciôn condenando el ataque israelî.

  5. Ci stupiamo ancora dei nostri giornalisti?

  6. Pagliara non è l’unico,purtroppo

  7. Ovviamente bisogna stare attenti a non piangere per la sorte di Hamas. Fosse per loro creerebbero uno Stato islamico. Purtroppo la Palestina, embrione di stato arabo laico è stato ucciso anche in quello da Israele che ha ampiamente sostenuto Hamas in passato in chiave anti-Arafat.
    Però oggi essere per la Palestina deve significare combattere l’arroganza israeliana così come la follia islamica di Hamas.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: