Qualcuno in questo Paese dimostra di avere ancora coraggio e dignità. Doti più uniche che rare oramai

“E’ incredibile che un governo non riesce a dare risposte sugli ammortizzatori, non fa sostegno fiscale a consumi e imprese, non ha uno straccio di idea di politica industriale, perche’ non bastano gli ammortizzatori se non hai un piano su come fare per l’auto, il mezzogiorno e la chimica”.  Guglielmo Epifani

Il paese, afferma Epifani, ‘ha bisogno di unita’ ma non si puo’ chiedere coraggio e chi lo ha sempre avuto e ha pagato.

In questo paese si abbisogna che il governo faccia in fretta sulle risorse e per le tutele legate ad ammortizzatori sociali, perche’ piu’ passa il tempo piu’ i precari perdono lavoro e restano senza sostegno e se anche il governo non mette le risorse aggiuntive non si esce da problema.

Testo dell’accordo separato sul rinnovo degli assetti contrattuali

L’accordo separato sulla contrattazione dirotta ancor più i costi della crisi verso i lavoratori e le loro famiglie, indebolendoli ulteriormente rispetto alle imprese.

La firma dell’accordo quadro avvenuta in serata a palazzo Chigi senza la Cgil rappresenta l’effettivo compimento della linea del governo Berlusconi, che persegue da lungo tempo la divisione dei sindacati. Saranno infatti i lavoratori a trovarsi in condizione di ulteriore debolezza rispetto alla crisi: divisi e sottoposti a ricatti, arbitrarietà, volubilità delle imprese.

Nel giorno in cui il senato dà il primo via libera al federalismo fiscale, l’accordo separato fa da corollario aprendo la strada alla reintroduzione delle gabbie salariali e alle politiche sperequative perseguite dalla destra.

Rifondazione Comunista ringrazia e sostiene la Cgil per non aver firmato un’intesa che determinerà un’ulteriore riduzione dei salari reali, un peggioramento delle condizioni di lavoro, un approfondimento delle disuguaglianze del paese. E s’impegna sin d’ora a organizzare l’opposizione concreta all’accordo nei luoghi di lavoro e in tutto il paese. Si può soltanto augurarsi che tutta l’opposizione faccia sentire unitariamente la propria voce al fianco dei lavoratori e della Cgil, che Pd e Idv si pronuncino chiaramente contro l’accordo e s’impegnino da subito a contrastarlo in modo risoluto e efficace.  Paolo Ferrero

11 Risposte to “Qualcuno in questo Paese dimostra di avere ancora coraggio e dignità. Doti più uniche che rare oramai”

  1. Magari se avesse tenuto lo stesso atteggiamento anche sul protoocollo del walfare e non fossimo stati lasciati da soli…

  2. Sicuramente Franca. E’ però certo che oggi Epifani dimostra carattere. Penso che sia doveroso da parte nostra il massimo sostegno e penso anche che sia giunto il momento per noi di pesare in Cgil.

  3. Matta Morelli Says:

    Dobbiamo riacquisire un peso in CGIL, iniziare a lavorare insieme su tutti i fronti per una lotta storica in un periodo storico.

  4. Partecipiamo in massa allo sciopero del 13 Febbraio e dimostriamo ai lavoratori che solo noi di rifondazione comunista siamo sensibili ai temi sociali

    Ti chiedo,Maria,di mettere tra i tuoi siti preferiti,il nuovo blog del mio circolo: http://kollettivoondarossa.blogspot.com/

    Grazie!!!

  5. Bah…stiamo andando verso la capitolazione dei diritti e nessuno si sveglia.
    Un saluto.

  6. Mwno male che la CGIL sta mostrando autonomia nei confronti di un PD che dire confidustriale è dire poco… santa CGIL

  7. Bene che la CGIL non abbia firmato, ma sarei molto più prudente nei giudizi. La piattaforma comune presentata con CISL e UIL, non era molto meglio di quella sottoscritta adesso. Inoltre la CGIL continua ad essere troppo subalterna al Pd e al quadro politico. Lo si è visto sulla questione della precarietà o dello scalone per le pensioni. Con Prodi hanno calato le braghe subito.
    Ultima considerazione riguarda gli equilibri interni. Si è aperta la partita del dopo Epifani. La destra interna punta sulla Camusso e probabilmente vincerà. Lo sciopero del 13 cerca anche di far pesare di più le categorie che oggi si collocano su una linea un po’ più conflittuale, metalmeccanici e funzione pubblica. Se passa la Camusso è probabile che anche quel poco di conflittualità in più che oggi esprime la CGIL, si ridurrà quasi a zero.

  8. condivido molto il passaggio sulla necessità di nuove idee di politica industriale “perché non bastano gli ammortizzatori se non ha iun piano..”
    Maria hai visto la lettera di Sinistra Critica sul blog di Ferrero?
    trovo già l’idea molto interessante..
    ciao

  9. Sì Paola l’ho letta. Non che non la trovi interessante, ma sai bene che io credo molto nel progetto politico del rilancio di Rifondazione. Qualsiasi proposta che sollecita allo scioglimento del partito per creare una costituente mi vede contraria. Questo è il messaggio di Sinistra Critica che io, dato i presupposti non posso condividere. Questo è quanto.

    Trovo molto interessante invece il silenzio del Pd sull’accordo separato e sull’esclusione del più grande sindacato del Paese. Questo dovrebbe indurre a riflettere i cittadini. Penso. Almeno spero…
    Un bacione Paola!

  10. Non mi stupisco, chi definiva la CGIL succube del PD non aveva capito una mazza, la CGIL può fare scelte sbagliate ma un sindacato con la sua storia è difficilmente discutibile, un sindacato che ha la storia di cisl e uil invece non può definirsi tale.

  11. daccordo ovviamente,in periodi come questi,è il caso di dire meno male che la cgil c’è!!!
    saluti e un abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: