Abruzzo: lutto nazionale e consigli per gli acquisti/attori e comparse

La presidente della Provincia dell’Aquila Stefania Pezzopane ha perfettamente ragione ha denunciare la sfilati di ministri che vanno nelle zone terremotate dell’Aquila non per dialogare con il territorio ma per farsi riprendere dalle telecamere. I politici italiani di ogni schieramento farebbero bene a mettere a disposizione le loro strutture per inviare aiuti e dare una mano, invece di andare nelle zone terremotate solo per farsi pubblicità. Servono ora, supearata la prima emergenza di aiuti sanitari e alimentari, psicologi e operatori sociali per gestire il grande, terribile, trauma del terremoto, specialmente verso bambini e anziani, ma al presidente-muratore Berlusconi forse questo interessa poco perchè non vi sono imprese pronte a guadagnarci, in questo caso.

Per quanto riguarda Rifondazione comunista, senza alcuna comparsata in loco di dirigenti nazionali, l’opera di solidarietà con le popolazioni colpite dal terremoto continua a pieno ritmo. La cucina da campo ora montata a San Biagio in Tempera, a pochi chilometri dall’Aquila, sforna 400 pasti a pranzo e a cena, mentre da oggi funziona, sempre a San Biagio in Tempera, l’asilo popolare, un vero centro di raccolta e di aiuti psicologici per far divertire e far superare il trauma ai bambini, dove sono già in funzione attività ludiche e ricreative, compreso un piccolo teatro, grazie anche all’azione di due psicologhe volontarie che sono già attive nel campo, ma l’invito a tutti gli psicologi, maestri/e e animatori sociali è di rendere disponibili a fornire la loro opera volontaria all’email doraonlus@yahoo.it .

Prosegue anche a ritmo serrato la raccolta di materiali (generi alimentari, indumenti, generi di prima necessità) con l’invio da parte di tutte le Federazioni provinciali abruzzesi e di quella nazionale di
6/7 camion al giorno di aiuti.

Inoltre, il Prc raccoglie le disponibilità ad ospitare sfollati in diverse regioni d’Italia (finora sono state 250 le disponibilità raccolte, sia in Abruzzo che in altre regioni) come pure raccoglie gli elenchi dei volontari disposti ad aiutare e dare il cambio alle squadre delle Brigate di solidarietà attiva, con una turnazione ogni 5 giorni, squadre ad oggi composte da una trentina di volontari,iscritti e non iscritti al Prc.

L’invito a singoli o strutture che abbiano la possibilità di accogliere gli sfollati è quello di chiamare il numero 085.66788, numero della Federazione Prc di Pescara.mentre per partecipare alle Brigate di solidarietà attiva si può scrivere a piobbico@hotmail.com .

Rifondazione comunista ha anche aperto un conto corrente bancario per inviare, da parte di tutti i cittadini, un contributo economico per i terremotati dell’Abruzzo.
Conto corrente Bancario RIFONDAZIONE PER L’ABRUZZO –

IBAN: IT32J0312703201CC0340001497

8 Risposte to “Abruzzo: lutto nazionale e consigli per gli acquisti/attori e comparse”

  1. Concordo pienamente con te. E’ assurdo le sfilata di questi opportunisti. Vediamo comunque, che qualcosa di utile si sta facendo davanti a questa tragedia. Una domanda, Maria, ma tutti i tuoi dati che fornisci in maniera diligente, sulle brigate della solidarietà (ottima cosa e utile), non ti sembrano anche questi una passerella mediatica e publicitaria, del prodotto P.R.C. Visto che dici le cose bisogna farle e non dirle, inizia tu. Non serve publicizzare le buone azioni, se fatte con cuore, se no mi viene il dubbio che sia solo marketing di partito. Buona giornata.

  2. Spiacente Tonino, sei totalmente fuori strada e in malafede.

    Per organizzare le brigate della solidarietà c’è voluto e ci vuole l’aiuto e il contributo di tanti. Da volontari a donatori.
    Fai un favore, rileggi bene l’articolo e semmai i precedenti.
    Ciao e buona giornata anche a te.

  3. Spiacente ma chi mi sembra in malafede sei tu. Un conto è una richiesta di aiuto, dove si chiamano le necessità, un conto è snocciolare dati, vittoriosi su quello che si è fatto. Mi spiace ma forse intendiamo la solidarietà in maniera diversa. Tu come un fatto da sbandierare, qualcun altro con il lavoro e la sobrietà. Il tuo scritto mi sembra una velina tipo manegeriale, sui successi della propria azienda. Buon proseguimento di giornata.

  4. Beh Tonino, se questo è sbandierare!
    Se tu non avessi saputo in rete di questa iniziativa, difficilmente ne saresti venuto a conoscenza. Ti faccio presente che queste notizie non risuonano in nessun media maintream.
    NESSUNO!
    Se mi permetti almeno nel mio blog con soddisfazione ed orgoglio lo faccio!
    Punto.

  5. E’ quella che stiamo facendo la solidarietà che serve, non le parate.
    Sono orgogliosa di quanto il Partito ha saputo fare…

  6. Voi toccategli il loro idolo ed i Tonini si inalberano….

  7. Ciao Maria.
    Ho pubblicato l’appello che ho trovato sul sito di Rifondazione.
    Sono stato in Calabria dai miei e sono tornato ieri notte.
    Anche nella mia federazione di stanno organizzando per formare una brigata di solidarietà da mandare in Abruzzo.
    Forse questa è la vera solidarietà, perchè nasce da un vincolo vero: il rispetto per l’uomo.
    Un salutone
    mauspezz

  8. E già, Berlusconi si è fatto un bello spot, ha pure regalato una dentiera ad un’anziana. La carità e la beneficenza fanno schifo, ma si sa che ai più piacciono, anche perché aiuta a lavare le coscienze.
    Comunque, nonostante non stimi Santoro devo dargli atto che quello che ha detto durante la puntata è una goccia di decenza in un mare di melma televisivo-giornalistica.
    Del resto ti allego qui sotto quanto scrivono compagni dell’Abruzzo Social Forum.

    Ciao a tutti/e,

    dopo le forti scosse di questa notte, purtroppo,
    la situazione all’Aquila e nei paesi limitrofi (raggio di 20-30 Km) è
    peggiorata.

    Lo confermano le varie persone di fiducia presenti
    sull’area perchè ci vivono (Navelli, Aquila, etc.) ed i nostri due
    autisti che hanno raggiunto vari comuni questa mattina col nostro
    furgone bianco.

    I soccorsi ufficiali sono poco coordinati, le
    vettovaglie si trovano nei campi principali ma mancano i mezzi / le
    persone per distribuire il cibo e le vettovaglie.

    Molti paesi
    ancora non sono stati ancora raggiunti dai soccorritori ufficiali; a
    portare acqua, cibo e coperte alle persone è stato il nostro furgone
    A.S.F. (organizzato dal Centro Raccolta Aiuti di Sambuceto).

    Infatti,
    questa mattina dovevamo consegnare le vettovaglie al campo vicino Onna
    (come ieri) ma poi i nostri due volontari sono stati mandati verso
    Coppito / direzione Rieti perchè lì la situazione era tragica. Ma lungo
    il tragitto vedendo molte famiglie senza niente ( senza scarpe, acqua,
    cibo o vestiti) i nostri volontari (Toni e Giuseppe che ringraziamo per
    il lavoro umanitario che stanno svolgendo) si sono fermati a
    distribuire le cose necessarie.
    Adesso
    sono tornati a Pescara e stanno cercando di ricaricare per tornare a
    fare la distribuzione “itinerante” alle persone bisognose.
    Speriamo
    bene perchè ci sono problemi burocratici che ostacolano questo tipo di
    azione diretta (addirittura qualche pazzo ha avuto il coraggio di
    chiedere ai volontari la bolla di trasporto della merce in piena zona
    d’emergenza)…

    Resta il fatto grave che ci sono grandi problemi organizzativi e
    quindi di distribuzione vettovaglie dai campi di raccolta che si
    trovano vicini al capoluogo verso tutte quelle persone che (per tanti
    ovvi motivi dovuti al terremoto) non sono stati ancora raggiunti dai
    soccorritori ufficiali e si trovano ancora vicini alle loro case
    distrutte. E’ veramente una situazione allucinante…

    Infine,
    non si capisce come mai da “Porta a Porta” ieri sera sono stati fatti
    ripetutamente appelli ai cittadini (da Berlusconi, Chiodi e Vespa
    stesso) per NON mandare più aiuti (cibo e vettovaglie) chiedendo invece
    di inviare denaro!!!

    Dall’Aquila
    i nostri compagni dicono che sarebbe meglio iniziare a spostare tutte
    le persone che stanno nelle tende e nelle macchine verso gli alberghi
    o nelle case sfitte sulla costa (tra l’altro di case sfitte a Francavilla / Pescara e Montesilvano ce ne sono a centinaia) perchè questo sciame sismico non si sa quanto tempo durerà.

    E’
    incredibile la contraddizione esistente tra la realtà racconta dai
    testimoni presenti sul posto e le informazioni ufficiali divulgate dai
    mass media.

    Noi vogliamo
    continuare a credere in quello che vediamo e tocchiamo con mano,
    vogliamo poter lavorare e dare una mano a chi ne ha veramente bisogno.

    PS:
    pare che il terremoto si stia spostando verso nord / Teramo:

    http://ilcentro.gelocal.it/multimedia/home/5476650

    http://mednet.rm.ingv.it/earthquakes.php

    Saluti
    Christian
    Abruzzo Social Forum

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: