Ecuador, stravince Correa: rinnovata la fiducia al presidente socialista

Il presidente uscente dell’Ecuador, Rafael Correa, ha stravinto le elezioni con oltre venti punti di scarto su Lucio Gutierrez, presidente dal 2003 al 2005. Correa,a scrutinio non ancora ultimato, ha ottenuto il 50% dei consensi, mentre il principale sfidante si è fermato al 30%.

Il socialista Correa, uscendo in piena notte dalla sede del suo partito Alianza Pais nella capitale Quito, ha anticipato alle centinaia di sostenitori in festa la vittoria al grido «Hasta la victoria, siempre!, citando Ernesto Che Guevara.

I suoi avversari ancora non gli hanno riconosciuto la vittoria, ma in base alla nuova costituzione per vincere senza andare al ballottaggio gli basta il 50% più uno dei voti oppure un distacco di almeno il 10% sul secondo candidato. Risultati che appaiono ormai conseguiti entrambi. Fra gli altri sette candidati in lizza, oltre il principale sfidante Lucio Gutierrez, l’imprenditore e uomo più ricco del Paese“re delle banane” Alvaro Noboa si è fermato  intorno all’11%.

I risultati confermano quanto ampiamente anticipato dai sondaggi: un plebiscito per il presidente uscente, spinto dal sostegno delle classi più povere, che hanno appoggiato la sua “rivoluzione cittadina” fatta di programmi sociali, con investimenti nell’educazione e nella lotta alla povertà.

«Ora l’Ecuador – ha commentato Correa – può compiere un altro passo per consolidare la «rivoluzione cittadina» in corso». Il presidente è chiamato a governare fino al 2013, quando potrà allungare il mandato per altri quattro anni. Grazie alla riforma costituzionale approvata lo scorso settembre questo sarà infatti il primo mandato di Correa.

Per l’economia del Paese andino, di fatto completamente legata al dollaro Usa, i prossimi mesi non si presentano facili. L’Ecuador soffre i duri effetti della crisi economica internazionale che hanno colpito tanto le rimesse degli ecuadoriani all’estero, fino a qualche mese fa pari a circa 3 miliardi di dollari l’anno e ora calate del 10-15%. Fattore che incide negativamente è anche il crollo dei prezzi delle materie prime esportate da Quito: petrolio in primo luogo, ma anche banane e fiori.

2 Risposte to “Ecuador, stravince Correa: rinnovata la fiducia al presidente socialista”

  1. Antonella Says:

    In realtà Correa si è fermato prima di quanto previsto. E già il 54% uscito dagli exit-polls era basso rispetto a 63% delle ultime consultazioni, quelle sulla nuova Costituzione.
    Parlando con la gente (a parte i pelucones che, ovviamente, erano contro e avranno votato per il meschino Noboa), i sostenitori di Correa intendo, pare che ci sia stato un abbassamento dei consensi anche a causa della politica mineraria. D’altra parte con il prezzo del petrolio così basso e la crisi mondiale che mette in forse le risorse da destinare alle politiche sociali, credo che Correa nell’immediato non avesse scelta.
    In tutti i casi ha vinto. E Alianza Paìs si è aggiudicato anche Comune di Quito. Credo che “el Correazo” abbia tempo e numeri per consolidare le riforme. In bocca la lupo.
    ¡Que viva Rafael!

  2. Dale Correa! Viva Ecuador!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: