Viaggi clandestini a Cuba per cure mediche

I pazienti che cercano di sottoporsi a trattamenti che non sono disponibili nel vostro paese, vengono regolarmente all’ Isola attraverso paesi terzi.

L’Avana. Medici cubani hanno rivelato che i pazienti americani affollano l’ Isola clandestinamente per essere trattati per vari disturbi o per ottenere un secondo parere medico, nonostante l’embargo economico che è stato sottoposto al paese dei Caraibi per mezzo secolo.

“I pazienti cercano di sottoporsi a trattamenti che non sono disponibili nel vostro paese, con molte difficoltà”, ha detto il direttore dell’Istituto di Ematologia e Immunologia, Cuba, José Manuel Ballester Sabato.

Secondo il vice direttore di ricerca dell’Istituto di Oncologia e Radiobiologia, Lazaro Anasagasti, citato da Cubadebate, i pazienti americani spesso arrivano a Cuba attraverso paesi terzi.

Il loro obiettivo, ha detto, è quello di ottenere un secondo parere medico o di sottoporsi a trattamento con farmaci cubani che non sono venduti negli Stati Uniti a causa del blocco. Questi farmaci contengono un anti-cancro della pelle per pazienti che non hanno altre opzioni terapeutiche, con possibilità di arrivare fino al 50 per cento di guarigione totale. E per la preparazione anche un altro anticorpo che ha provocato un miglioramento della qualità della vita dei pazienti affetti da cancro al polmone.

Come Washington vieta ai suoi cittadini di recarsi a Cuba come regola generale, con rischio se lo fanno senza un permesso speciale, così Ballester Anasagasti ha rifiutato di fornire i dati sul numero di pazienti degli Stati Uniti trattati  a Cuba.

Cuba stima che il blocco che il presidente Barack Obama ha detto che non sarà revocato per il momento, ha finora causato la perdita di oltre 96 miliardi di dollari o 236 miliardi calcolati a prezzi correnti per la moneta americana.

La relazione di Cubadebate è stata pubblicata in un momento in cui Cuba ha intensificato la sua campagna sulle conseguenze del blocco di Washington del comitato scientifico e dei settori della salute dell ‘isola e di settori quali l’agricoltura, l’economia, il commercio, la cultura e lo sport.

La campagna per gli effetti negativi delle sanzioni degli Stati Uniti avviene prima del 28 ottobre in cui l’Assemblea generale delle Nazioni Unite si riunirà per la votazione di un progetto di risoluzione su Cuba per chiedere il ritiro di tali misure.

da La Jornada

48 Risposte to “Viaggi clandestini a Cuba per cure mediche”

  1. Con Obama, nuovo premio nobel per la pace, c’è stato un grande cambiamento!
    Le isole Marshall hanno preso il posto delle isole Palau…
    Comunque i voti a favore della risoluzione cubana sono nuovamente aumentati, arrivando a 187.

  2. Ciao Paolo ben ritrovato.
    Sì hai ragione i voti sono NOTEVOLMENTE AUMENTATI. Peccato che i “tre moschettieri” contrari non si riesca a sterminarli a dovere.🙂
    Un abbraccio.

  3. Antonella Vitale Says:

    Questa notizia andrebbe sui blog che fanno da “rimbalzo” a quello della Sanchez.

  4. Ho cancellato il commento di tale marco aurelio che ci ricordava quanto costa stare in un ospedale privato cubano e soprattutto che Cuba si deve emancipare riguardo ai diritti umani.
    Mi auguro vivamente che se la sinistra non otterrà un buon risultato alle prossime elezioni, non mi si attribuisca la colpa (come avvenuto in precendeza). Dato che ho censurato. E continuerò a farlo.

  5. maeco aurelio Says:

    Mi pongo una semplice domanda, Antonella dice: “La notizia fa da rimbalzo, a quello che dice la Sanchez”
    Allora come mai, nel blog della Sanchez, non viene censurato nessuno, invece quelli di “rimbalzo” si viene censurati? Forse, si ha qualcosa da nascondere? Grazie per aver dimostrato ancora una volta, la vostra idea di democrazia e verità.

  6. Non la “vostra” caro marco aurelio. La “mia” idea di democrazia e verità.
    Io non parlo a nome di nessuno.
    Per il resto, ti rimando ai centinaia e centinaia di commenti di ogni tipo e natura “per” o “contro” Cuba, presenti su questo stesso blog. Che hanno creato dibattiti e diatribe infinite di ognio genere e natura.
    Ciao.

  7. I festeggiamenti per il ventennale della caduta del muro di Berlino potrebbero essere l’occasione per suggerire più miti consigli all’amministrazione americana, troppo condizionata dalle lobby, nonostante gli slanci di Obama.

  8. marco aurelio, ma di cosa parli, io vengo continuamente censurato…. sul blog della Sanchez, come in altri blog anticastristi…

  9. marco aurelio Says:

    Quello che dice Rossignoli, credo che non sia vero. Nel blog originale, della sanchez, ci sono attacchi anche personali alla sua persona, che sono li. Nessuno li censura. Stessa cosa nel blog in lingua Italiana, sulla stampa, nessuno censura nulla. Mai ho letto in nessuno dei due blog, gente che si lamenta di censure. Comunque, se vogliamo provare ,vai e scrivi quello che vuoi, poi vediamo se ti tolgono il post come è stato fatto qui. Secondo me tu stai mentendo. Pronto alla prova, se sto sbagliando, pronto alle scuse, chiaramente. PROVIAMO.

  10. Marco Aurelio il mio è un semplice blog personale, io non sono la Sanchez e posso solo ripeterti il motivo per cui ho cenusurato.
    Leggi sopra. (anche se di fondo ho scritto i tuoi contenuti censurati).
    Ciao Marco Aurelio, le vie telematiche sono infinite, percorrine altre se questa non ti garba.

  11. marco aurelio Says:

    Vede signora Rubini, postare dei copia incolla, palesemente di propaganda su un blog, dove si lasciano aperti i commenti comporta anche di avere risposte alle accezioni fatte. Il mio paragonare il suo blog con quello della sanchez è stato fatto perchè il commento trionfante di Antonella lo paragonava come risposta. Nulla di più. Vedo poi che persone evidentemente abituate alla stortura della verità come tale Rossignoli, dice cose ancora lontane dalla realtà. asserisce che nel blog della sanchaz viene regolarmente censurato. Io ho proposto una prova se è vero oppure no. Vede signora Rubini, nulla vieta a lei, di fare della propaganda, basta dirlo a priori. Se no si accettano le critiche e le responsabilità di quello che si dice. Non si censura quando si danno dati reali come ho fatto io. Tuttal più si controbattono. Rimane comunque libera di fare quello che crede.

  12. La ringrazio per avermi concesso la libertà di fare come meglio mi aggrada. Troppo buono!
    Non intendo controbattere nulla. Qui in questa sede, nonostante le sue accuse, si è contrabbattutto abbastanza. Oserei dire TROPPO, su Cuba.
    Quello che asserisce lei lo sentiamo e leggiamo continuamente su tutti i media, quello che magari posto io no. Vogliamo chiamarla propaganda castrista? Perfetto! Questo è un blog di propaganda castrista.
    Arrivederci e saluti sinceri.

  13. marchiori massimo Says:

    Fare propaganda, non vuol dire raccontare cose inesatte.
    Da Aprile 2009, i cittadini statunitensi possono liberamente entrare a Cuba, almeno una volta l’ anno. Basta poi un autocertificazione sull’ aereo, per moltiplicare le entrate. Ci sono già 16 voli di linea settimanali tra Usa e Cuba. Senza contare i voli charter. Quindi non si capiscie che viaggi clandestini sono quelli che vengono descritti nell’ articolo. Poi i costi degli ospedali cubani sono nettamente più alti di quelli nord americani, con servizi nettamente peggiori. Per il signore, che racconta di essere censurato, sul blog di yoani, veda di dire le cose senza bugie grazie. Nessuno viene censurato sul quel blog, per volere della Sanchez. Forse lei amerebbe farsi censurare, ma nulla.

    QUINDI, OK PROPAGANDA, MA NON PALESI BUGIE!!!!!!!

  14. Certo ha ben detto caro Marchiori: con la certificazione e le relative MOTIVAZIONI. Se lei non capisce che viaggi siano quelli descritti nell’articolo penso proprio che sia un suo problema. Mi piare chiaro che il nel suddetto articolo sia esplicito il fatto che non si fanno i nomi dei viaggiatori proprio per evitare ripercussioni personali.

    Libero di crederci o meno, ma questo non la autorizza a dire che vengono divulgate palesi bugie.
    E non scriva in stampatello, non urli. Che qui, proprio qui su questo blog, non serve a nulla.
    Saluti.

  15. marchiori massimo Says:

    Mi spiace ma si continua a dire cose finte. Dal aprile 2009 nessun tipo di blocco da parte degli Stati Uniti, per viaggiare negli usa. Si vada a vedere il decreto presidenziale. Dopo il secondo viaggio cioè il terzo, basta una autocertificazione, SENZA ALCUNA SPECIFICA, da firmare ad aereo già partito. Quindi quando parlate almeno dite le cose giuste. Ma secondo te cosa gli frega agli Stati uniti se uno va a curarsi a Cuba, pagando fra le altre di più , che negli states. Comunque sarei curioso di leggere un report vero, sui numeri di statunitensi che vanno a Cuba a curarsi.
    Se siete senza argomenti per favore non inventate cose false. Facilmente mascherabili come questa.

  16. marchiori massimo Says:

    Comunque si vada a leggere, le nuove disposizioni, l’ eliminazione della legge Burton. L’ eliminazione del blocco, di telecomunicazione. ect ect. Molto probabilmente è meglio tacere queste cose, e continuare a fare propaganda, come quella che leggiamo qui. Falsa e deviante alla realtà.

  17. Ancora con questa storia!

    Vai a cercarti un report “vero” da qualche altra parte!
    E pianatiamola di usare il plurale. Io parlo per me e non per altri.
    Questo post lo lascerò vita natural durante. Voglio proprio vedere dove si arriva!
    E a proposito, andate anche alla redazionde de La Jornada a lamentarvi.

  18. E per inciso: a casa mia aprile 2009 è l’altro giorno, cioè parliamo cinque mesi fa. Ma non importa io continuo a disinformare lo stesso!

  19. Marchioni,se vuoi ti porto vagoni di persone americane che per andare a Cuba passano dal Messico e da altri posti.Leggiti le multe inflitte a R.Cooder e altri e poi se non sai che dire taci.

  20. marchiori massimo Says:

    Aspetto i vagoni, di persone. Massimo. Visto che tu sai tutto prima del decreto, si doveva pagare 300$ di tassa per andare a Cuba, chi le evadeva pagava una multa, sai gli usa con chi non paga le tasse sono duri. I Voli erano molto costosi, anche perchè Cuba fa pagare cifre molto elevate, per l’ uso dei suoi aeroporti a società Usa. Quindi il giro via Cancun era molto usato. Ma Massimo lei che sa tutto , che ha vagoni di testimonianze, compresa quella del musicista r. Cooder,quanti di questi vanno a farsi curare a spese folli a Cuba? Mi dica , ma negli ultimi mesi quanti americani si sono fatti le ferie a Varadero, tutto compreso week and lungo a 180 $.
    Almeno quanto le raccontate, cercate di raccontarle bene. Ora vi saluto, vi lascio alle vostre fantasie. Ma mi raccomando non troppo grosse se no i vagoni diventano pochi.

  21. Marchiori per risvegliarci dal sonno e disturbare le noste fantasie, si ducumenti, ci riporti dei report “veri”. Noi siamo qui.
    Mi raccomando faccia in fretta, eh. Malauguratamente qualcuno credesse che davvero Cuba in ambito medico è all’altezza tanto da prestare aiuto anche a cittadini statuitensi.
    Si affretti.

  22. massimo marchiori Says:

    Mi sembra che li ho chiesti a te i numeri di questi statunitensi che vanno a curarsi a Cuba. Io non li conosco, infatti li chiesti a te. Ma se gli ospedali aCuba sono così buoni, come mai i cubani, appena possono si fanno curare all’ estero? Come mai Fidel si è fatto operare da un chirurgo sapgnolo?….Come mai i cubani che hanno parenti all’ estero quindi rimesse vanno in strutture a pagamento a Cuba?…..Tornate nelle vostre fantasie, si vede che tu Cuba, a parte la propaganda prezzolata, non l’ hai mai vista. Ora veramente vi saluto, perchè è più divertente andare nei forum di star trek, almeno li si è consci di parlare di fantascienza.

  23. Bene!!!!!
    Ora urlo io!

    SE SEI COSI’ BRAVO SMONTAMELA TU QUESTA FANTASIA E CONTROBATTI! CON DOCUMENTI E DATI IN MANO.

    Caro Massimo, vai a divertirti tu e ad offendere da un’altra parte. Ti garantisco che stai sfiornado il RIDICOLO. Se non te ne stai rendendo conto, ti aiuto io a capirlo. TI HO CHIESTO DI CONTROBATTERE NON CON OFFESE E ILLAZIONI, MA CON DOCUMENTI ALLA MANO QUESTO ARTICOLO!

    Alla prossima censuro, perchè pur sopportando di tutto, anche i tipi più ignoranti, ho anch’io dei margini da rispettare per evitare di scendere ai livelli di questi tipi qui. Tu sei uno quelli.
    Ciao, divertiti col Grande Fratello o chessò io. E se nel frattempo ci porti la documentazione ci fai piacere.

    C I A O.

  24. marchiori massimo Says:

    Vedi Maria è una questione di metodo. Tu hai postato questo articoletto, proveniente dalla propaganda cubana. Il quale non riporta, nessun dato, nessun numero. Io ho chiesto se per caso avevi dati più precisi. Perchè la notizia è veramente poco credibile. Ho fatto notare che già l’ idea che degli statunitensi devono viaggiare clandestini a Cuba non è vero, da almeno 6 mesi. Guarda ti ho detto che documentazione precisa non ne avevo infatti la chiedevo a te o a qualche ospite del tuo blog. Ammetto come dici tu che sono ignorante in materia. I mie livelli sono anche stupidi, ma ponevo solamente delle critiche, a quello che tu hai postato, forse criticare è sintomo di stupidità e rendersi ridicolo?

    Comunque l’ unico dato che ho trovato, è questo della CUBANACAN TURISMO y SALUD (scritto in maiuscolo, per facilità di comprensione non perchè urlo), nel 2008, negli ospedali per stranieri a Cuba, sono stati curati 1700 persone proveniente da 38 paesi quasi nella totalità turisti.
    Se qui sai estrapolare un dato più preciso, sui nord americani, ti sarei grato. Io rimango della mia idea, che l’ articolo da te pubblicato è solo di propaganda, senza nessuna realtà di base. Questa è la mia ridicola ,come pensi tu , opinione, sta a te a confutare quello che dico. Ora puoi censurare liberamente, così non dovrai più sopportare, chi prova a ragionare, con la propria testa, di cose che conosce molto bene. Vedo che però non hai risposto alle mie semplici domande.

  25. marco aurelio Says:

    Certamente Marchiori, le cose citate da questo post, sono ben lontane dalla realtà. Facevo notare, alla signora Rubini, che poi velocemente ha cancellato, il costo degli ospedali cubani è simile se non più costoso di quelli USA. Nel 2008 sono state offerte 8 borse di studio in medicina, a cittadini statunitensi, dal ministero della salute cubano. Chiaramente propaganda perchè la laurea in medicina conseguita a Cuba, non è riconosciuta in gran parte del mondo. Queste favolose notizie su Cuba che si trovano sul web, vede signora Rubini, molto maggiori di quelle, negative. Anche perchè a parte 4 vecchi babbei di Miami, a nessuno interessa denigrare cuba in maniera massiccia come Lei /Voi fate credere, hanno sempre una stessa matrice ed uno stesso sistema. Niente dati precisi, filtrate e preparate ad hoc dai ministeri cubani. Si troverà una Cuba afflitta dall’ embargo ma che resiste. Una sanità che fa invidia alla Svizzera. Varie amenità sulla superiorità morale e democratica della grande Cuba. Chiaramente mai è possibile discutere di queste cose, oppure parlare di realtà cubane, provenienti da altre fonti. Le altre fonti si ricordi Marchioro, sono sempre pagate da qualche orco nord americano, anche quello che lei ha visto con i suoi occhi, sicuramente dietro a delle lenti da sole made in USA.Meglio ancora attecchiscono in persone che cuba non l’ hanno mai vista.
    In questo oblio ideologico, noi siamo i ridicoli, stupidi e mercenari critici.
    Credo che il dato Lei riporti dei millesettecento turisti curati a fior di euro a Cuba, sia reale di questi forse tre sono cittadini Usa. Ma aspettiamo qualche velina, di stato cubano che invece parlerà di decine di migliaia di persone che vanno a curarsi il cancro a Cuba.

  26. marco aurelio Says:

    Per il signor Rossignoli, ho atteso un suo post, nel blog della Sanchez, per vedere se veniva censurato. ma credo che Lei non ha scritto nulla. Vede signor Marchioro, come è facile per queste persone fare disinformazione.

  27. Marchioni,le persone come te che quando trovano uno che lo contrasta usa il termine tipico “tu che sai tutto “mi sta sulle palle.Sei il classico individuo che non sa niente,legge qualcosina su el Pais o dei blog pseudodemocratici e poi va a sbattere in uno come me che viaggia verso Cuba dal 1989,che ha conosciuto per cause personali tanti ospedali e medici(tutti che fanno barba e capelli ai nostri) e come ti ho detto tanti americani che arrivano dal Messico e da tanti altri posti,ma non come tu dici per risparmiare perchè altrimenti ti faccio una domanda semplicissima; se fosse accessibile a tutti,quanti milioni di americani sarebbero in vacanza a Cuba?? L’embargo non esisste solo per te e quella categoria di ignoranti come te!!

  28. Maria, chiudi questo post subito. Non vedi questi topi di fogna, come vengono fuori subito. Ma che ne sapete degli ospedali di Cuba i MIGLIORI AL MONDO. ma lo sapete che i cubani sono quasi immortali, raggiungono comodamente i 100 anni. A Cuba il cancro è stato debellato è che i giornalacci che voi leggete lo tengono nascosto. Tornate nelle vostre luride fogne. Maria chiudi tutto.

  29. massimo marchiori Says:

    Mi fa piacere, il livello veramente educato che ha preso la discussione.
    Massimo , che ti stia sulle pa…. è una cosa che non mi tocca, mi spiace che perda del tempo con me. Per quanto riguarda la sua conoscenza su cuba, non la metto in dubbio. Mi fa piacere che si è potuto permettere, molti viaggi, in quel paradiso tropicale. Sa di solito gli Italiani si possono permettere una settimana a Ladispoli e molti neanche quella.
    Per quanto riguarda la sua invettiva, forse le è sfuggito il decreto presidenziale el 14/04/09 del presidente Obama. Dove dava via libera, a tutti i cubano/statunitensi, a poter viaggiare liberamente a Cuba. Poi a fine maggio, su proposta di 9 deputati del congresso, il decreto è stato ampliato a tutti i cittadini statunitensi. Ricordo anche che quel decreto, parla di totale liberalizzazione delle telecomunicazioni tra cuba e usa.
    Se leggeva bene il mio post, precedente, invece di imbufalirsi, ho scritto, che ora ci sono 16 voli di linea, più innumerevoli charter tra cuba e stati uniti. Ho anche detto, che negli ultimi mesi turisti americani stanno arrivando a Varadero con formule molto appetibili. Questo perchè Cuba risulta più cara di santo domingo o bahamas. Per questo con queste nuove formule si sperano di ampliare la richiesta. Si informi signor Massimo. Lo so che il Granma di queste cose ne parla poco, senza capirne il perchè. Mai parlato che il bloqueo non esiste, posso dire solo che magari non è pesante come qualcuno fa credere, per ovvie ragioni.
    Per quanta riguarda gli ospedali, mai ho detto qualcosa sulla classe medica, ma ho parlato di strutture vecchie e fatiscenti, senza attrezzature
    negli ospedali pubblici. Ho detto anche che invece nelle strutture a pagamento cubane, troviamo una standard quasi ai nostri livelli.
    Ripeto queste sono cose sotto gli occhi di tutti. Devo concordare con Marco aurelio, che purtroppo, quando si è accecati dalla ideologia, si fa solo propaganda, come fate voi.

  30. Massimo Marchioni e Marco Aurelio qui chi offende ed è ignorante siete solo ed esclusivamente VOI.
    Rileggetevi i VOSTRI commenti.
    Questa volta non censuro. Sfogatevi pure, tranquilli.
    Attendo SMENTITE con dati alla mano. Rivolgetevi all’ambasciata USA, al ministero, alla cia, fate quel che vi pare, ma io vorrei si contrastasse con dati alla mano questo articolo.
    Poi girate l’accusa anche a La Jornada, che evidentemente anch’essa fa propaganda ideologica.

  31. massimo marchiori Says:

    Bà non so perchè ti scaldi tanto. Leggo che i tuoi fans, dicono che i migliori ospedali del mondo sono a Cuba. Addirittura hanno scoperto come guarire il cancro. Comunque io un dato reale l’ ho portato. Vogliamo partire da questo. Allora la Cubanacàn turismo y salud dice: nel 2008 ha curato 1.700 stranieri di 38 nazionalità diverse. A Cuba abbiamo dati del min tur nel 2008 2.400.000 presenze straniere. Quindi abbiamo 0,05 di ricoveri di stranieri. Oppure se vuoi dividiamo 1700 diviso 38 fa 44 persone qui per nazione. Qui che peso diamo agli stati uniti nel 2008. In maniera empirica diamo 30 persone. Bene allora il grande successo della sanità cubana ha curato 30 statunitensi. Allora se non è questa la propaganda. Dall’ articolo ripeto , sembra che migliaia di persone si siano curate a Cuba, scappando dagli stati uniti.
    Io rimango sempre dell’ idea, che se vogliamo parlare di sanità cubana, magari sarebbe bello capire quanti cubani si fanno ricoverare in strutture a pagamento a Cuba, visto che la sanità pubblica praticamente non esiste più. Ma queste cose la jornada che recupera i sui articoli da Cubadebate,come se Berlusconi, citasse i suoi successi da il Giornale, direi poco credibile o sbaglio. Queste notizie non le da, ma neanche il granma, nemmeno la tv di stato cubana.
    Vedi Maria invece di scaldarti tanto, se si prova a ragionare, e incrociare i dati , come abbiamo fatto ora, si capisce che è solo propaganda.
    Anche se secondo qualcuno a Cuba hanno la terapia per il cancro.

  32. Senti Massimo Marchiori, ma l’Alba ad esempio, che organizza i viaggi a Cuba per curare malattie o manda i medici cubani in altri paesi, è una fantasia? E’ fantascienza?
    Saranno non più di una decina? In maniera empirica non riesco a seguire il tuo ragionamento. E comunque sia, ammesso e concesso che possano essere solo 30 statunitensi, visto e considerato le condizioni esterme in cui viene costetta l’isola dall’embargo, può essere considerato un successo. Che siano americani i viaggiatori, dico.
    Ripeto. Indaga, rivolgiti altrove e porta questo articolo da qualche parte per farlo screditare. Ma ufficialmente però e non per calcoli empirici che lasciano il tempo che trovano.
    Con la propaganda, se è propaganda si fa così.
    Se vuoi insistere su questo piano fai pure, eh.
    Ma anche io rimango di questa stessa idea.
    Anzi, facciamo una cosa: mandiamo questo articolo ad Obama? Che ne dici? Se pò fà? E vediamo che dice. Una posizione dovrà pur prenderla per smentirlo, no?

  33. massimo marchiori Says:

    Maria, op.. milagro quale tu ti riferisci nulla a che fare, con quello descritto dall’ articolo. Le persone curate comunque a caro prezzo da parte degli stati invianti, anche queste notizie cubadebate non le da, hanno altri circuiti.
    Sono ospedali appositi, uno a Cienfugos, un altro a santiago, all havana. Poi altri in giro per l’ isola. Questi arrivano, portati all’ ospedale curati, e fatti uscire. Per la quasi totalità per cure oftalmiche.
    Allora vedi che alla fine, mi dai ragione è una notizia che non può essere controllata. Mancando una stampa libera a Cuba, possono raccontare quello che vogliono. Se leggi bene tutto l’ articolo in maniera palese, spinge per soppressione del bloqueo (sospensione sacrosanta), quindi la cosa che ammalati statunitensi cito l’ articolo “affolano l’ havana” è quanto meno discutibile. Appunto come ci sei arrivata anche tu il tutto è impossibile da verificare. Questo giochetto il governo cubano lo fa in continuazione. Se tu provi a farti un giro nella rete, di articoli con questi toni ne è pieno. salvo che tutti sono impossibili da verificare. Certo un ottimo lavoro di propaganda, non c’è che dire. Purtroppo Obama, e molti altri non si fanno certo convincere da questo tipo di propaganda, che comunque non è rivolta a loro. Ma è rivolta a un mondo vicino a Cuba. Perchè Cuba nelle condizioni che è messa, praticamente disperate, ha paura di perdere anche quel poco sostegno che ha.
    Maria, io porto rispetto per chi ci crede, ma permettimi di dire la opinione ecco tutto. Non cerco ne tanto meno voglio aver ragione.

  34. massimo marchiori Says:

    Comunque lo proviamo a mandarlo aRaul, magari Lui qualche precisazione puo darcela .Di più che Obama o sbaglio?

  35. No Massimo, dissento totalmete da querllo che dici e sono sempre più convinta del contrario.
    Spero tu me lo permetta, vero?
    Ma fai come credi. Puoi mandarlo a Raul come ad Obama.
    Ma da te nè da altri accetto che si dica che è mera propaganda.

    E per inciso hai detto una serie di pallonate.
    E’ inutile che continui. E’ un consiglio spassionato il mio, eh.
    Impegnati tu, visto che ti sta tanto a cuore la cosa, e contatta Raul o Obama. Io aspetto.
    Ciao

  36. massimo marchiori Says:

    Perdonami che pallonate ho detto ?
    Continuare che? Io non continuo nulla. Mi pare che sono stato chiaro non pretendo e non voglio aver ragione. Dico solo quello che penso, a riguardo del post pubblicato da te. Comunque sono curioso di sapere che pallonate ho detto.

  37. Marchioni,prima parli degli americani,poi dei cubani americani.,quindi…Conosco bene la legg e vedo i voli charter arrivare,ripeto si parla dei cubani-americani.Per i cittadini USA rimane il divieto e ti ricordo ancora che Ry Cooder p stato multato di 100mila dollari per essersi recato ripetutamente nell’isola e Juanes nel concerto per la Pace ha chiesto il permesso alla Clinton per portare la sua strumentazione nell’isola,che significa?? Leggi ancora un poco y despues habla!

  38. marco aurelio Says:

    Signor Massimo lei fa un po’ di confusione. Ha ragione il signor Marchiori, tutti i cittadini USA, ora possono entrare liberamente a Cuba, da giugno. Vada a vedere il decreto. Prima arrivano solo i voli charter ora arrivano anche voli di linea. Per il fatto degli strumenti, di Junes lei fa ancora confusione. l’ embargo per le strumentazioni tecnologiche, non è ancora stato abolito. Ma spero che Lei sappia la differenza tra un amplificatore Marshall, e una persona umana. Comunque se lei è convinto del contrario, per me va benissimo, qui non stiamo facendo una gara a chi ne sa più.

    Per quanto riguarda gli ospedali, signora Rubini, a tutto si puo credere, anche che il nostro signore è morto dal freddo.

  39. Marco Aurelio sono d’accordo con lei.
    Infatti sono convinta che a tutto si può credere, anche a quelli come lei. Che per quanto mi riguarda equivale a credere che il nostro signore è morto dal freddo.

  40. Marco Aurelio e Massimo Marchiori, due nomi un solo troll..
    Per gente come voi e per le bufale che raccontate
    in questo blog non c’è trippa per gatto…
    E poi, come puoi vedere il miei post su generacion y censurati…
    se sono censurati sono censurati o no…
    è bastato bloccare il mio IP dello studio… e non ti dico i virus
    che provano a inviarmi quotidianamente….

  41. marchiori massimo Says:

    Non capisco la trippa per gatti, si sta parlando. Io non so chi sia Marco Aurelio. Comunque se Rossignoli pensa che siamo la stessa persona, evidentemente ha le prove per dirlo. Ma da una persona che dice che gli arrivano attacchi di virus, da Blog dissenzienti al governo cubano sono pronto a credere a tutto quello che dice. Prima eri censurato ora addirittura ti hanno bloccato ip. Immagino anche nel blog della Sanchez, ripetuto in Italia dalla Stampa.
    Ora torniamo alle cose serie, Massimo vai a leggere l’ artico del granma, del 19 maggio 2009, poi magari mi credi. Poi cerca il pacchetto Omnibus del congresso degli stati uniti. Come ti ho detto già io, la prima stesura parlava di cittadini cubani residenti in America. Poi la nella stesura hanno allargato anche a chi cubano aveva il passaporto usa. A questo punto nove deputati, hanno fatto notare che non si poteva fare. Negli Stati uniti,non si può fare differenze di legge, la legge è uguale per tutti, quindi chi è in possesso di passaporto Usa, non è specificato l’ origine. Per forza di cose TUTTI con passaporto Usa possono viaggiare a Cuba. Da qui le agenzie viaggi USA e europee hanno fatto pacchetti viaggio ad Hoc, per Cuba.

    Gli Usa notoriamente una ne fanno ma un altra ne sbagliano ( sono un po’ coglionazzi), si accorgono che siti americani pubblicano e pubblicizzano Cuba e suoi alberghi. Da qui il ministero del tesoro blocca alcuni siti, adducendo che l’ embargo prevede, la non possibilità i fare qualsiasi pubblicità di prodotti cubani. La corte suprema, a giorni scioglierà questo nodo. Speriamo bene, anche perchè gli Usa non si smentiscono mai.
    Spero di essere stato chiaro, sui viaggi Usa Cuba.

  42. marchiori massimo Says:

    Invece Maria, accettando la tua sfida, ho un altro dato. I cittadini Statunitensi che nel 2008 hanno visitato Cuba, Chi in maniera diretta chi con i viagggi via Messico e Canada, o altro sono 40.000 nel 2008. Chiaramente molti andavano a trovare la famiglia. Ora abbiamo 2 dati certi 1700 ricoveri di stranieri divisi in 38 nazioni. Su 2.400.000 , visitanti sappiamo che 40.000 sono statunitensi. Bene se 0,05 % va a farsi curare abbiamo 20 persone curate. Ma so quanto sei precisina, vediamo se arrivo ad un altro dato più preciso.

    Per quanto riguardo le bufale, come detto prima aspetto che me le elencate, così mi rendo conto dove sbaglio. Mi sembra un po’ generico affermare che dico bufale senza specificare che bufale dico, o sbaglio.

  43. marco aurelio Says:

    Scopriamo, che probabilmente il signor Rossignoli scrive da Cuba, dove generazione y è censurato, dal governo cubano. Forse è per questo che non riesce a scrivere in quel blog. Non si sa mai che leggendolo qualche cubano non sorgano dei dubbi, sulla verità che tutti i giorni gli raccontano i liberi media cubani. Oppure il signor Rossignoli non è quello che ci racconta, ma una persona molto importante nella nomenclatura cubana. Oppure non sapendo come rispondere alla mia proposta, si è inventato questa storia.
    Signor Rossignoli di male in peggio, mi sembra che in questo blog, la fantasia galoppa. Tutto per aggirare la discussione sulla sanità cubana.
    Bene signora Rubini, dopo aver letto che a Cuba il cancro viene curato, che folle di statunitensi vanno a Cuba a curarsi, rischiando 100.000 $ di multa. Che suoi amici vengono cancellati, da blog con un milione di contatti giornalieri, e 2000 e passa post. Penso che sia inutile da parte mia continuare a scrivere in questo posto fantastico. Fonte di verità assolute. Quindi la ringrazio e la lascio, al suo mondo.

  44. Fino a tutto Agosto quando c’ero io,nessun aereo di linea americano ha toccato terra in quel di Camaguey e Santiago.Ormai so per certio che per la politica Usa trai il dire e il fare c’i sono di mezzo 90 miglia difficili da superare.

  45. Massimo ma se loro vogliono insistere, che insistano pure.
    Personalmente non mi toccano, non toccano te e nemmeno Paolo.
    Vale il mio ultimo commento.

  46. marco aurelio Says:

    Ma io non insisto, mi sembra Maria. Tu hai messo un post. Io ho argomentato. Nulla di più. Nel ordine mi hai dato del pallonaro, mi hai chiesto dei dati che faticosamente ti ho dato, ancora parziali. Ho spiegato come il blocco sui viaggi, è di molto diminuito. Tutto con pezze giustificative. Ho chiesto di elencare le balle che ho detto, ma l’ unica risposta che ottengo è che sono io che insisto. Bel sistema, scappare davanti ad una discussione.
    Comunque Massimo, non voglio avere ragione ad ogni costo, siamo qui per ragionare. Tu hai perfettamente ragione, che le famose 90 miglia sono lunghe da attraversare dopo 50 anni di battaglie da ambo due le parti. Comunque i voli sono da miami Havana. La compagnia è la Marazul avion, piccola compagnia di Miami. Partirà a breve la continental airelines. Ho già fatto alcuni voli da new York, ma non li ha ancora messi in listino.

    Vedi Maria non bisogna aver paura di toccare certi argomenti. Capisco, che si vorrebbe tutto perfetto come in una favola, ma i problemi ci sono.
    Scappandone come fai tu, non si arriva lontano.

    Sto provvedendo per quei dati, ma tu vedo che non mi aiuti. Peccato in due magari ci si arriva più velocemente. Spero che tu non abbia paura del risultato. Non è detto che io abbia ragione. Magari scopriamo, che oltre ai 40.000 venezuelani, che vanno a Cuba a curarsi, scopriamo che ci sono 50.000 statunitensi che si curano a Cuba. Sarebbe una bella sorpresa, no!!!!

  47. jack walsh Says:

    Ottima come informazione/giustificazione, un vero contributo al dibattito: “Fino a tutto Agosto quando c’ero io,nessun aereo di linea americano ha toccato terra in quel di Camaguey e Santiago”. Wow! Commenterebbe il Presidente abbronzato; allora vuol dire che davvero “per la politica Usa trai il dire e il fare ci sono di mezzo 90 miglia difficili da superare”. Peccato però che il nostro attento informatore di cose cubane ignori che i primi due aeroporti cubani per traffico internazionale siano il José Martì dell’Avana e il Frank Pais di Holguin. Forse che li non è atterrato niente in tutto quel tempo?

  48. Ragazzi. The game-over
    Alla prossima, e possibilmente su un altro argomento che non sia sempre e solo la scandalosa Cuba.

    ps.
    Avviso i gentili visitatori di questo blog che se non censuro è perchè non stò qui dietro. Detto questo mi pare chiaro che i commenti a questo post sono chiusi.
    Ciao.

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: