Battaglia d’Idee. Lo studio del Marxismo visto dal Che

La situazione attuale che vive (o sopravvive?) l’Umanità, costretta tra la crisi economica globale provocata dagli Stati Uniti, il problema ambientale ed il cambio climatico, le epidemie e le malattie che sfidano i passi avanti della scienza e le guerre d’aggressione in pieno sviluppo, ha generato un’atmosfera di crisi, di decrescita e confusione, che si sta inclinando in forma graduale ma sostenuta, per milioni di persone nel mondo, alla ricerca di grandi filosofi che possano aiutare ad intendere e a cercare un’uscita da questo pericoloso intreccio.

Le informazioni che giungono dal mondo editoriale menzionano l’auge delle vendite d’opere filosofiche che, sino a poco tempo fa, non sembravano suscitare molto interesse ed oggi, sorprendentemente, si avvicinano ad alcuni classici e alla lista dei tanto richiesti romanzi, detti best-seller.

Karl Marx occupa un posto importante tra i pensatori più reclamati per questi studi, investigazioni, analisti o semplici lettori che cercano risposte – non ricette – ai più grandi problemi del XXI secolo e non possono tralasciare come riferimento indispensabile l’opera del “Prometeo di Treviri”, assieme al suo inseparabile e generoso compagno Federico Engels.

Marx fu, senza dubbio, la punta più alta del pensiero europeo del XIX secolo.

Nelle sue idee filosofiche e la sua teoria economica  percorse gli oscuri, già da allora, e impervi sentieri del capitalismo e mostrò che la necessità non era solo interpretare il mondo esistente, ma trasformarlo dalle fondamenta, lasciandoci il legato delle idee essenziali.

Pensavo a tutto questo mentre rileggevo la lettera che Ernesto Che Guevara m’inviò in un data tanto lontana come il 4 dicembre del 1965, dalla Tanzania, dov’era giunto dopo la campagna in Congo e dove trascorse quello che chiamò “questo lungo periodo di vacanza”.

Per quella tappa, il Che si auto-preparò un piano di studi che seguì con il rigore  che lo caratterizzava e che, come scrisse nella lettera “può essere studiato e migliorato molto, per costruire la base d’una vera scuola di pensiero.” Aggiungeva: “Abbiamo già fatto molto, ma un giorno dovremo anche pensare.”

Sapendo che io ero appena entrato a fare parte della segreteria nell’organizzazione del Partito,  espose così “alcune ideuzze sulla cultura della nostra avanguardia e del nostro popolo in generale, e per questo ho messo il naso nella filosofia, cosa che pensavo di fare da molto tempo”.

La cultura ed il talento enormi del Che gli permisero di giungere all’ elaborazione di un piano – il mio piano, scrisse– strutturato in otto capitoli o temi e nella sua lettera li dettagliava.

Erano: i classici filosofici; i grandi dialettici e materialisti; i filosofi moderni; i classici dell’economia ed i precursori; Marx e il pensiero marxista; la costruzione socialista; eterodossi e capitalisti, e un ultimo capitolo che chiamò “Polemiche”,  lo caratterizzò come “ il più polemico, ma il pensiero marxista avanzò così”.

Nel punto più caldo della costruzione socialista, il Che suggeriva d’includere “ libri che trattano problemi concreti non solo degli attuali governanti, ma anche del passato, facendo controlli seri sull’apporto dei filosofi, e soprattutto degli economisti e statisti”.

L’importanza del compito gli era ben chiara e la rifletteva in questa frase commovente: “È un lavoro gigantesco, ma Cuba lo merita, e credo che lo si possa tentare”.

La ben meritata fama del Guerrigliero Eroico quale impetuoso uomo d’azione non ha mai nascosto la profondità del suo pensiero ed i suoi contributi senza precedenti al complesso reticolato delle idee rivoluzionarie, nell’affanno di realizzare su questa base, soluzioni e passi avanti.

Per questo fu un infaticabile studioso e creatore anche nelle più difficili circostanze e sostenitore del concetto leninista che non c’è rivoluzione senza la teoria della rivoluzione.

Cuba e il mondo sono cambiati da quando fu scritta questa lettera, ma i suoi propositi fondamentali non sono variati nella necessità di cercare risposte certe ed opportune, oggi più che mai, per coloro che lottano per la trasformazione della vecchia società di sfruttamento e per far sì che dal suo seno sorga una nuova società, capace di conciliare la giustizia sociale ed il benessere materiale, con la morale di un Uomo Nuovo.

Per tutto questo il Che studiava il marxismo, e non per un semplice desiderio d’accumulare conoscenze accademiche.

Era convinto che, come aveva detto Lenin, la dottrina di Marx era molto poderosa, perchè è vera, ma che è necessario studiarla seriamente e profondamente per realizzare con successo la sua applicazione concreta alle necessità concrete.

Penso che per questo che sia opportuno fare riferimento a questa lettera ed al suo contenuto che esprime una visione del Che sull’insegnamento del marxismo – che ci trasmette con la sua abituale acutezza e sapienza – che è una sfida ancora da vincere.

Armando Hart Dávalos

Una Risposta to “Battaglia d’Idee. Lo studio del Marxismo visto dal Che”

  1. Bellissima!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: