Non ci ammazzerete piu’. Oggi ci difendiamo.

Prima ancora dell’Inquisizione gli ebrei erano stati perseguitati, assassinati, costretti a convertirsi, era loro impedito di lavorare se non per un paio di mestieri vietati ai cristiani tra cui il prestito di denaro.
La giudeofobia si diffuse tra tutti i popoli quasi come forma di demonofobia , cioe’ paura del demonio.
Ebreo= demonio. Ammazziamolo.
 
Si doveva arrivare a Voltaire perche’ la giudeofobia si trasformasse in antisemitismo, cioe’ all’odio degli ebrei in quanto razza inferiore.
Una tremenda aberrazione psichica ereditaria e incurabile perche’ ormai incancrenita nell’animo delle persone, talmente incancrenita che il nazismo riusci’ ad ammazzare nell’indifferenza dell’Europa e di tutto il resto del mondo  6 milioni di ebrei ai quali vanno aggiunti dai 200 ai 500.000 zingari, disabili, matti, oppositori politici, preti.
Giovedi si commemorera’ La Giornata in Memoria della Shoa’, i Giusti piangeranno, le autorita’ sbadiglieranno,  gli Ebrei rimarranno in silenzio senza piu’ lacrime, ognuno ricordando sei milioni, sei milioni, sei milioni, sei milioni. Un numero talmente incredibile da far scatenare i negazionisti.
Sei milioni, capite? Una nazione intera.
Sei milioni di corpi, sei milioni di anime, 12 milioni di occhi terrorizzati, un milione e mezzo di bambini che non capivano perche’ il loro mondo si era improvvisamente trasformato in un luogo senza mamma e papa’. Un luogo dove nessuno li proteggeva piu’ , dove un signore vestito di bianco li prendeva e li portava in una stanza dove gli tagliava le corde vocali e poi li torturava con i suoi maledetti esperimenti, senza dover essere infastidito dalle loro grida.
Un luogo dove vedevano altri bambini dati in pasto ai cani, resi nazisti anche quelli.
Al di la’ della comprensione umana, al di la’ di quello che potrebbe essere l’inferno, al di la’ Dio!
Dio e’ morto, disse un ragazzo vicino a  Elie Wiesel mentre dovevano assistere all’impiccagione di un bambino che aveva tentato di scappare.
Dio e’ morto.
Sei milioni. Dio. Sei milioni.
 
Shema’ Israel, ruggiva Isaac, il macellaio che veniva spinto nel fornetto di mattoni 500 anni prima.
Shema’ Israel urlavano quelli che venivano bruciati vivi nelle sinagoghe dai seguaci fanatici di Lutero.
Shema’ Israel sospiravano senza piu’ forze quelli che venivano  fatti entrare nelle docce da cui sarebbe uscito il gas.
Shema’ Israel ha gridato il soldato Ro’y mentre, per salvare la vita ai suoi compagni,  saltava su una mina messa da hezbollah durante la guerra in Libano.
26 gennaio, che sollievo se Israele non esistesse, dicono gli antisemiti.
27 gennaio, Memoria della Shoa’.
28 gennaio, ebrei nazisti , dicono sempre gli antisemiti, osano difendersi invece di scomparire per sempre. A morte Israele.
E continuano imperterriti per altri 364 giorni.
Memoria della Shoa’, i Giusti piangono, gli antisemiti odiano, mai stanchi, mai esausti, mai annoiati dalla monotonia del loro odio millenario.
A morte Israele. Urlano.
Shema’ Israel, rispondono gli ebrei.
Non ci ammazzerete piu’, nessun Isaac verra’ spinto in un fornetto di mattoni a bruciare vivo, nessun bambino sara’ terrorizzato in un luogo buio e freddo senza mamma.
 
La Memoria  di quei sei milioni deve servire anche a questo, a stare a testa alta e dire Basta, non ci ammazzerete piu’.
Basta a chi brucia le bandiere, Basta a chi tace di fronte alle minacce di sterminio di Ahmadinejad, Basta a chi calunnia e demonizza Israele, unica nazione al mondo minacciata nella sua esistenza!
Non lo vogliamo piu’.
Hanno divorato 6 milioni, non sono ancora sazi ma noi abbiamo raggiunto il limite, oggi abbiamo un esercito che ci difende, benedetto sia.
Niente piu’ Inquisizione, niente piu’ Auschwitz, niente piu’ Babi Yar, fosse comuni, Bergen Belsen, Treblinka.
Basta terrorismo in casa nostra. Basta stragi di ebrei.
Oggi ci difendiamo.
 
Shema’ Israel.
 
Deborah Fait

9 Risposte to “Non ci ammazzerete piu’. Oggi ci difendiamo.”

  1. Il popolo ebreo non esiste. Esso è una creazione della distorsione del pensiero moderno occidentale venutosi a sviluppare negli ultimi 500 anni in europa dagli inizi dell’acculturamento ai giorni nostri ed in maniera crerscente.

    Non solo i cittadini di religione ebraica hanno sofferto di questo pensiero distorto ma centinaia di milioni di altre persone e cittadini. Il pensiero distorto moderno occidentale lungi dall’essere un faro di civiltà per l’umanità intera, come è stato inculcato nei nostri più reconditi pensieri da secoli, è un faro di barbarie.

    Furto di interi continenti e sterminio di popolazioni intere, schiavitù, imperialismo, colonialismo, razzismo, marxismo, fascismo, comunismo, nazismo, gas nervini, due terrificanti guerre mondiali, fosse comuni e foibe, genocidi ed olocausti vari, costruzione ed uso di bombe atomiche su civili inermi, centinaia di milioni di morti, ed ora, quale ciliegina sulla torta, una crisi economica globale, e questo solo per citare i più noti disastri di questo pensiero europeo o occidentale distorto.

    Altro che faro di civiltà. Ci sarebbe da vergognarsi e camminare in silenzio e con gli occhi bassi per due o tre secoli in segno di pentimento. Ma non è così. Non è così perchè questo pensiero culturale distorto molto sinteticamente non vuole riconoscere la realtà, rifiutando di guardare avanti e guardando solo indietro nei pregiudizi millenari custoditi da istituzioni potentissime le quali per mantenere i loro privilegi impediscono la diffusione della realtà che è la verità.

    Ricerche scientifiche israeliane hanno confermato definitivamente quello che già era venuto a galla dalla decifrazione dei geroglifici e dei caratteri cuneiformi e cioè che i cosiddetti ebrei di oggi sull’intero pianeta non hanno niente a che fare con gli ebrei della Bibbia ai quali essi sono totalmente estranei essendo i veri discendenti degli antichi ebrei forse oggi solo alcuni palestinesi di religione musulmana.

    Nello sterminio nazista non sono morti ebrei ma sono morti cittadini italiani, cittadini tedeschi, cittadini polacchi, cittadini ungheresi, cittadini francesi e cittadini di altre nazioni europee di religione ebraica. E le vittime dei tanti orrori nazisti e della guerra non sono state solo i cittadini europei di religione ebraica, scambiati per ignoranza per l’inesistente popolo ebreo, ma tanti altri cittadini per i quali la memoria vale e come!

    Le storie bibliche del vecchio testamento sono delle leggende e non sono storia. Abramo, Mosè, Salomone, non sono esistiti. Il popolo prescelto da Dio è solo un credo religioso al pari di tanti altri credi religiosi.

    E lei non è ebrea ma una cittadina italiana di religione ebraica.

    Temo che se ci ostiniamo a rifiutare la realtà, sulla scia dei precedenti disastri citati, il futuro ci riserverà disastri immensamente più grandi.

  2. E’ una tesi molto interessante e direi anche molto in voga in questi ultimi anni.
    Le faccio però notare che questa tesi è applicabilissima anche al popolo palestinese.
    Il palestinese non esiste e non è mai esistito.
    Forse questa è davvero l’unica strada da percorrere per risolvere il conflitto israelopalestinese……………

  3. Cara signora,
    ho semplicemente ripetuto quello che grandi scienziati ricercatori israeliani, che lei sicuramente conosce, hanno avuto il coraggio di rendere pubblico, liberando gli ebrei e l’umanità da pregiudizi millenari.

    L’ignoranza però, mi permetto di dissentire dal suo punto di vista, non è del popolo o della gente normale di tutto il mondo, sempre profondamente saggia ed umana sotto tutte le religioni e sotto tutte le bandiere, ma è nella dirigenza di questa umanità, dirigenza prigioniera dei privilegi delle loro istituzioni fondati su un pensiero distorto, incatenata pertanto al mantenimento dei pregiudizi e dello status quo.

    Questo problema del popolo ebreo è simile a quello della stella di Natale che è la stella Sirio, la più lucente del firmamento, che da millenni illumina le notti di Natale, Capodanno ed Epifania, al centro del cielo stellato, ma che Chiesa e Scienza si guardano bene dall’ accennare a causa dei loro pregiudizi di paganesimo o stregoneria.

    La ricerca scientifica viene osannata da tutto l’establishment ed in campo tecnologico non si fa, per esempio, in tempo a comprare un telefonino che ve ne è già un altro più sofisticato in vendita e pubblicizzato in tutti i modi. Altre scoperte, come quelle israeliane citate, essendo scomode, sono messe a tacere e non una parola viene spesa da stampa, televisione ed istituzioni per informare su queste verità.

    Dal mio punto di vista la vita di un palestinese è sacra al pari della vita di un israeliano ma non si può ignorare che gli ebrei di Israele siano in realtà cittadini europei, ed altre nazioni, di religione ebraica, impossessatisi di una terra di altri. E’ una situazione indubbiamente difficile e nè si può ignorare che nel 1947 le citate ricerche scientifiche non erano ancora state effettuate.

    Se l’uomo fosse magnanimo e lungimirante e ragionevole la soluzione ci sarebbe per ottenere una vera pace. E sarebbe l’istituzione di un nuovo Stato unico Israelo-Palestinese ove tutti gli attuali abitanti di entrambe le parti vi siano cittadini a pieno titolo.

    L’attuazione di questo piano si scontra però con un grande oppositore: il pensiero distorto di superiorità dell’uomo moderno occidentale di cui gli ebrei e gli israeliani sono inconsapevolmente portatori.

    Solo quando potremo un giorno uscire da tanti pregiudizi che ci ottenebrano la mente, riconoscendo al nostro simile la stessa nostra dignità e valori di esseri umani, potremo apprezzare e gustare la vita del vivere in pace.

  4. Caro signore,
    a mio modestissimo parere l’umanità tutta è ben lontana da uscire dai pregiudizi che ci ottenebrano la mente e daqllaq ragionevolezzaq che lei espone.
    Lo Stato Ebraico di Israele ha la funzione primaria essere disponinbile ad accogliere gli ebrei qualora un nuovo pazzo deciso a sterminarli risorgesse (ipotesi non tanto irreale, purtroppo).

  5. Airis C. Says:

    Lei beautiful 41 dice che il popolo ebraico non esiste più perchè si è estinto. dice che gli attuali ebrei non sono gli stessi della Bibbia… Sono discendenti comunque di Abramo, eppure, il progenitore di tutte le razze semitiche, arabi compresi. E come fa poi ad esser così sicuro che la Bibbia è fantasia, e non accadimenti reali? come lei può saperlo con certezza? sostiene che gli arabi palestinesi sono discendenti veri di quella terra. Come ciò è possibile se gli arabi migrarono dalla Penisola Arabica solo intorno all’anno 600 d.C.? Dopo le migrazioni e le conquiste musulmane conquistarono Gerusalemme. non prima. come spiega poi il fatto che gli Ebrei non hanno mai abbandonato Gerusalemme? l’hanno sempre abitata, anche Hebron e tanti altri siti di quella terra, nonostante la diaspora. Le consiglio di leggere ‘Vittime’ di Benny Morris libro molto obiettivo,e anche Israele siamo noi di NIrenstein. Vedrà ke gli ebrei hanno sempre abitato in quella terra, che molto più tardi i Romani chiamarono Palestina, derivata da ‘filistei’ popolo egeo, non semitico. Con il suo ragionamento, allora possiamo dire che non esistono i cristiani, non esistono i buddhisti, non esistono musulmani …. si sono estinti perchè non discendono più dagli antichi profeti? Il suo ragionamento è assurdo, anche se spiegato accuratamente.

  6. E’ come la guerra del Vietnam,cari amici…Non c’è ritorno,molti reduci continuano a vedere i viet-cong aggirarsi e preparare attacchi per le metropoli americane.Il popolo ebraico soffre di un disturbo da stress post-traumatico per duemila anni di torture e crudeltà subite,l’ultima l’Olocausto.Adesso è deciso a lottare fino alla fine,credo che abbia una visione un pò distorta riguardo ai palestinesi,credo che siano più disperati che malvagi,cmq è difficile dirlo dato che pure io ho il ptsd,e la mia vita un inferno.saluti,David

  7. Caro Airis C.,
    mi è capitato per caso sotto il naso il suo commento dopo che la WordPress ha istituito il nuovo sistema che risuscita vecchi commenti che magari si erano dimenticati.

    Come avevo spiegato alla signora padrona del blog io non ho fatto altro che ripetere quello che uno scienziato israeliano, il prof. Shlomo Sand avente cattedra di storia in università israeliana/e, al culmine di ricerche durate una vita, ha scoperto ed ha comunicato a tutto il mondo.

    Le sue scoperte sono scritte in un suo libro che sta facendo il giro del pianeta ed in tutte le principali lingue. In Italia non è stato stampato ancora, mi sembra, ma prima o poi lo sarà. Il titolo del libro è “L’invenzione del popolo ebraico” che, già da solo. esprime tutto un concetto rivoluzionario da far rabbrividire i potenti della Terra.

    Il prof. Sand non è stato il solo. Un altro studioso israeliano, l’archeologo Ze’ev Harzog, a seguito di scavi archeologici effettuati col suo team israeliano per decenni in tutte le regioni di primaria importanza biblica, ha dovuto riconoscere la realtà, per quanto amara, comunicandola a tutto il mondo, che di tutte le storie bibliche del popolo ebreo, e concernente i “patriarchi”, Abramo, Mosè, Davide, Salomone, la schiavitù e l’esodo dall’Egitto, fino all’esilio babilonese, non si è trovata alcuna traccia significativa e proporzionata alla grandezza prospettata dalla Bibbia, e che pertanto tutte queste storie sono solo leggende non corroborate dalle moderne ricerche scientifiche.

    Il coraggio di questi due professori è degno della massima ammirazione. Essi sono motivo di orgoglio per l’umanità intera per guardare la realtà come essa è e non come si vorrebbe che fosse.

    In verità prima che questi due grandi coraggiosi professori esternassero le loro scoperte io già mi ero formato le stesse idee scaturite da circa 20 anni di letture, le più disparate, per assecondare la mia sete di curiosità e conoscenza delle realtà dell’antico passato.

    Naturalmente quando si parla di antichità si parla principalmente dell’Egitto antico, l’unica grande civiltà durata storicamente tre millenni, un periodo enormemente lungo. In questo cammino a ritroso nel tempo è normale considerare anche le storie bibliche per avere una visuale più ampia della storia.

    Ricordo che inizialmente fui colpito dal fatto che mentre gli antichi egiziani scrivevano pressocchè tutto del loro sistema e delle imprese dei loro regnanti e dei paesi vicini, sulla Bibbia, di queste stesse imprese egiziane non c’era pressocchè nessuna traccia.

    Per il momento mi fermo. La storia è molto lunga. Cercherò di continuare in modo più conciso domani o dopodomani o nei prossimi giorni.
    La saluto

  8. La padrona del blog non fa parte dei grandi della Terra, ma rabbrividisce con loro. Certamente.

  9. Carissima padrona di casa e carissimo Airis C.,
    ecccomi nuovamente a voi con l’intento di non litigare troppo aspramente.

    Ha ragione Airis C. quando dice che i Cristiani non esistono, non esistono i buddhisti e non esistono i musulmani. Essi infatti non esistono come singolo popolo legato da una stessa etnia biologica.
    Nessuno si sognerebbe di dire o pensare che i cristiani inglesi, i cristiani russi, i cristiani etiopici o del Kenia, i cristiani greci, i cristiani peruani, i cristiani filippini, eccetera, siano lo stesso popolo.

    La stessa cosa vale per i buddhisti del Tibet, dell’India, della Cina, della Malesia, del Myanmar, dell’America, eccetera.

    Come pure è vero che i musulmani non esistono come singolo popolo quando si pensa ai musulmani del Marocco, dell’Egitto, della penisola arabica, dell’Africa, dell’India, della Malesia, dell’Indonesia, eccetera.

    I Cristiani, i Buddhisti, i Musulmani non esistono come singolo popolo proprio come non esistono gli ebrei come singolo popolo.

    La differenza qual’è??? La differenza sta nelle sottigliezze del linguaggio. Quando menzioniamo i Cristiani, i Buddhisti, i Musulmani, automaticamente sottindendiamo gente diversa che crede nella stessa religione. Quando invece si menzionano gli ebrei automaticamente si sottindende uno stesso popolo biologico.

    Ma questa è una aberrazione del pensiero distorto europeo e occidentale scaturito da vati secoli di oscurantismo culturale ed è in fondo quello che il professor Sand dice nel suo ormai famoso libro.

    Alla fine dell’Ottocento la Palestina era abitata da circa 350.000 palestinesi e solo qualche migliaio di ebrei. Dopo di chè è arrivata gente di religione ebraica da tutte le parti del mondo ed ha capovolto questa situazione, reclamando la comune appartenenza biologica risalente a due millenni ed oltre nel passato.

    Per convalidare questa comune appartenenza biologica di un solo popolo i dirigenti israeliani, già prima che il professor Sand scrivesse il suo libro, diedero il via ad una campagna di DNA, chiamiamola così, al fine di dimostrare la incontrovertibile comune appartenenza al popolo biblico della Bibbia di oltre due millenni orsono.

    Il professor Sand sta fronteggiando un fuoco micidiale di opposizione alle sue idee da parte dell’establishment israeliano e mondiale. In questo fuoco micidiale di opposizione i fautori dello status quo e delle credenze tradizionali hanno riordinato le analisi del DNA al fine specifico di smantellare dalle fondamenta la o le tesi del professore.

    Gli analisti del DNA pur refutando le tesi di Sand hanno detto che però “le analisi neanche smentiscono completamente le asserzioni del professore”. Come dire sì e no. Un colpo alla botte ed uno al cerchio per fare contenti tutti.

    Ora cerchiamo di essere seri. Se io vado ad analizzare il mio DNA alla ricerca dei miei antenati a partire da 3 millenni addietro, che cosa ci trovo dentro??? Ci trovo Ciro il Grande, Serse, Nabucodonossor, Numa Pompilio, Giulio Cesare, San Pietro e San Paolo, Sosigene, Erode, Cleopatra, Plutarco, I Vichinghi, i Nibelungi, Attila, Gengis Khan, e tanti altri sparsi per il mondo.

    Posso pertanto io dire che sono un discendente diretto di Numa Pompilio o di Gengis Khan??? O di qualunque di quelli citati??? Sì e no, o no e sì, ma….però…. proprio come hanno risposto gli analisti del DNA citati.

    I palestinesi, proprio per la loro preponderanza in Palestina nello scorso millennio, hanno avuto più possibilità di essere convertiti, volontariamente o meno, alla religione musulmana dopo la conquista araba.

    Le storie di Abramo, Giuseppe, Mosè, Davide e Salomone sono storie di personaggi o faraoni egiziani o mesopotamici fatti propri dai compilatori del Vecchio Testamento adattandoli quali loro antenati. Nella Genesi sta chiaramente scritto che Giuseppe era padre di faraoni. O, come vogliono i nostri “dirigenti”, questa frase non conta perchè conta solo quello che loro vogliono che conti???

    Mosè è un nome egiziano. Basti pensare ai faraoni Tuthmoses, Ahmoses, Ramses, eccetera. Davide viene da Thoth o Tuth, il dio della sapienza egizio, ove col tempo le consonanti “T” sono state cambiate in “D” mentre le vocali non si usavano o non erano d’obbligo sia negli antichi geroglifici e sia nella lingua scritta dell’ebreo antico.

    La lingua scritta dell’ebreo antico è una copia quasi perfetta degli antichi geroglifici egiziani il che significa che gli antichi ebrei erano in realtà antichi egiziani emigrati o esiliati dall’Egitto durante gli sconvolgimenti millenari di quell’area.

    La Bibbia è stata scritta da più persone in diverse epoche. L’iniziale tradizione orale è stata iniziata ad essere messa per iscritto durante l’esilio babilonese del seicento A.C- circa e pertanto a quell’epoca le storie dei patriarchi citati risalivano a millenni prima dei compilatori della stessa Bibbia.

    Il Vecchio Testamento della Bibbia pertanto è un insieme di storia, fantasia, fiabe e testimonianze belle, bellissime e bruttissime. In essa ci sono anche insegnamenti eterni ed immortali dei Padri della Civiltà e sta alla passione ed all’intelligenza del lettore separare la storia dalla fantasia, le testimonianze dalle fiabe, il divino dalla barbarie. Esso è comunque un patrimonio di tutta l’umanità.

    La storia è lunga e sempre più appassionante ed interessante e viva mano a mano che si va ancora più indietro nel tempo dei tanti millenni anteriori. Ma noi non possiamo stare qui fino a domani ed in qualche modo dobbiamo concludere.

    Gli ebrei di tutto il mondo dovrebbero essere immensamente grati al professor Sand ed al professor Harzog per aver spezzato le catene che rendevano gli ebrei schiavi di loro stessi per essere “diversi” dagli altri. Gli ebrei di tutto il mondo possono d’ora in poi essere a pieno titolo cittadini della Terra al pari di tutti gli altri, separando la religione dalla cittadinanza.
    Siatene orgogliosi e fieri e fatene buon uso.

    I monoteismi planetari ed antropomorfi di oggi inoltre, con un Dio in sembianze da uomo che detta all’uomo, passivo, quello che si deve fare e quello che non si deve fare, o quello che si deve credere e quello che non si deve credere, è stata una degenerazione del pensiero giudaico-cristiano, e per questo anche musulmano, scaturita dal pensiero barbaro del “Codice di Hammurabi” con la sua impronta di vendetta atroce della legge del taglione. Non è pertanto un caso l’aver avuto una serie infinita di disastri e guerre nei tre ultimi millenni trascorsi.

    Dopo questo passo cruciale fatto dal prof.Sand il prossimo dovrebbe essere quello di liberarci delle dette religioni monoteiste vendicative, barbare ed irragionevoli, per riconquistare il rispetto e l’apprezzamento dello spirito divino, laico o neutrale ed immortale e valevole sempre e dovunque e per tutti gli uomini della Terra e che è nell’insegnamento dei primi Padri della Civiltà quando crearono e scrissero la “Confessione Negativa”.

    La “Confessione Negativa”, rimasta nell’oscurità per tanti millenni, è la “Golden Card” o il “Passaporto d’Oro”, per i CITTADINI DELLA TERRA del Terzo Millennio che aspirano ad una convivenza pacifica e costruttiva.

    Saluti a Lei ed alla padrona del blog.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: