La mercificazione della morale

Far leva sulla mercificazione e la commercializzazione dei bisogni morali degli individui per mantenere a galla l’idea di una crescita illimitata dell’economia è una mistificazione della realtà, rischiosa per la sopravvivenza dell’umanità.

 È questo, in sintesi, il messaggio lanciato domenica 5 giugno, in chiusura del Festival di economia di Trento, dal pensatore e sociologo polacco Zygmunt Bauman. Durante la sua lectio magistralis all’auditorium S. Chiara, dell’Università di Trento, Bauman ha espresso grandi preoccupazioni sull’attuale tendenza che vede il mercato proporsi quale canale sostitutivo per il soddisfacimento delle esigenze morali.
Una tendenza, questa, sostenuta da ingenti investimenti pubblicitari, ma, soprattutto, dall’attuale scansione della vita lavorativa. Vent’anni fa, ha rilevato l’oratore, il 60% delle famiglie americane si ritrovava la sera per condividere, insieme, momenti relazionali. Ora le cose sono cambiate: solo il 20% ha mantenuto questa tradizione, essendo aumentate le ore di lavoro e sparito il confine che divide i tempi lavorativi dai momenti di vita privata.
Secondo Bauman, questo stato di cose ha generato una cattiva coscienza che le persone cercano ora di mitigare con le proposte del mercato. Più grande è il senso di colpa creato dalla scarsa manifestazione di affetto, più le persone cercano di colmarlo elargendo, ad esempio, regali costosi ai propri cari. Per il pensatore polacco, questa nuova trovata del mercato è pericolosa. Alimenta la corrente di pensiero secondo cui è possibile che l’economia continui a crescere illimitatamente, visto che è illimitata la natura delle esigenze morali che si propone di soddisfare.
Bauman ha smontato quest’ultimo assunto rilevando come sia assurdo basare l’indefinita crescita del Pil sulla vendita di prodotti o servizi che, benché soddisfino bisogni illimitati, dipendono dallo sfruttamento di risorse appartenenti a un ecosistema limitato. Com’è possibile, si è chiesto lo studioso polacco, continuare a credere nell’indefinita crescita della produzione e dei consumi in un mondo dove il picco della produzione mondiale del petrolio è stato raggiunto nel 2006?
Il momento della verità è vicino, dice Bauman, secondo cui, per uscire dal vicolo cieco della crescita senza freno, la società mondiale deve effettivamente abbracciare la via della sostenibilità (economica, sociale e ambientale), pensando amorevolmente alle generazioni future. Da qui l’augurio che avvenga un cambiamento di prospettiva nel sistema di governance mondiale il quale, per rilevare la sfida, dovrebbe cominciare a guardare al lungo periodo, invece di mantenersi in una logica di breve periodo basata sulla necessità di ottenere un consenso politico irresponsabile ed egoista.

 
L’ospite d’onore dell’ultimo giorno del Festival di Trento si è inoltre augurato che l’avidità smithiana, che ha guidato per anni il pensiero economico occidentale, non continui più a essere considerata come motore della prosperità individuale e collettiva. L’idea secondo cui volere di più per sé genera ricchezza anche per gli altri deve essere sostituita da azioni basate su effettivi rapporti umani, che, di genere, consumano poche risorse e non sono funzionali né alla crescita della produzione né all’aumento dei consumi.

Secondo Bauman, che nel suo intervento ha citato Antonio Gramsci, “oggi i confini della libertà economica si stanno restringendo e le regole che governano il mondo non sono più applicabili”.

La morale. Bauman propone un tipo di morale: la morale nasce come il consegnarsi totalmente dell’io al tu (ovvero di me all’altro). È un fatto assolutamente e totalmente individuale e libero. Poiché non può esistere un terzo che mi dice se la mia azione sia morale oppure no, non c’è più società, la quale necessita sempre di almeno tre persone. Ma come si traduce questa definizione individuale nella concreta pratica sociale? Bauman specifica che questa libertà di donarsi è sempre dentro a certi vincoli e costruzioni dati da una struttura che è, appunto, la società. L’impulso ad essere per l’altro, a donarsi all’altro, indipendentemente da come l’altro si atteggia nei suoi confronti non è razionale; per questo per Bauman la morale originata da tale impulso è del tutto irrazionale.

 Fonti: Trentinocorrierealpi, Agenzie Stampa, Fortuna Ekutsu Mambulu Nigrizia.

Una Risposta to “La mercificazione della morale”

  1. Dom 05 06 2011 – 19 08Tutto esaurito per lultimo incontro del festival dellEconomia che ha avuto per protagonista il grande sociologo di origini polacche Zygmunt Bauman teorico della societa liquida . Introdotto dalleditore Giuseppe Laterza Bauman ha parlato – con toni a volte profetici – del mercato e del consumismo e di come essi si alimentino oggi della mercificazione della moralita.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: