Archivio per Erdogan

Fuori come un balcone

Posted in Politica, Società with tags , , on giugno 4, 2013 by Maria Rubini

indexAdesso siamo sicuri che anche Erdogan è  ‘fuori come un balcone’ !!!

Quale sarebbe il modello turco da  seguire?  Quello che fracassa la gente in piazza?

Poteva essere da meno dei suoi amici fedeli all’ Islam ridicolo  e manipolato di questi tempi  ? Sembra che la nuova generazione di presidenti arabi si stia divertendo ad essere goffa e in quanto goffa pericolosissima.

Devono avere letto tutti gli stessi manuali  e in tempi diversi li anno messi in pratica.

Inciampano su tutto quello che trovano ma non cadono, fanno un salto e picchiano duro chi gli sta davanti come se fosse colpa di altri se loro non sanno fare buona politica e non sanno leggere buoni testi islamici . Usano altoparlanti che minacciano a squarciagola, idranti, bastoni, manette, camionette schiacciagente, fumogeni e se finiscono le scorte passano ad armi chimiche.

Bello questo modello di Stato Islamico, chissà il Profeta Muhammad cosa ne pensa dall’alto della sua saggezza ? Secondo me è pentito dei troppi imbecilli che ha lasciato sulla terra e sta elaborando un nuovo messaggio per i musulmani di buona volontà che non vogliono essere confusi con questi disgraziati .

Dai Profeta se ci sei batti un colpo che qui non se ne può più di di cattiva propaganda.

 

 

Added by Enrica Schivardi  pubblicato su ArabPress

Pentagono: in Siria vincerà Assad

Posted in Politica with tags , , , , , , on novembre 30, 2012 by Maria Rubini

imagesCACX903XPer gli Usa i guerriglieri ribelli sarebbero troppo pochi per vincere la guerra civile. I servizi francesi sono d’accordo.

Con l’attuale rapporto di forze, la guerra civile in Siria la vincerà Bashar al Assad. Lo ha dichiarato un funzionario del Pentagono all’agenzia israeliana Debka, precisando che questa nuova previsione è dovuta allo scarso numero delle forze ribelli, nettamente inferiori a quelle governative. La notizia è confermata da fonti anonime dei servizi segreti francesi.

La stima fatta dagli strateghi del Pentagono quando cominciarono i primi scontri era di settantamila guerriglieri ribelli. Questa cifra avrebbe permesso, sempre secondo il ministero della Difesa Usa, di abbattere il regime di Assad in sei mesi.

Ma le cose non sono andate così. Il nuovo riconteggio parla di trentamila combattenti, di cui seimila jihadisti legati ad Al Qaida. «Ci sono ancora troppi reparti delle forze armate che sono rimasti fedeli al regime siriano», ha affermato il funzionario del Pentagono. Inoltre, Assad avrebbe beneficiato degli aiuti di Russia, Iran e dei libanesi di Hezbollah.

Il nuovo punto di vista non avrebbe però cambiato la strategia della Casa Bianca, decisa ad abbattere l’attuale governo siriano. Il nuovo passo riguarderebbe l’impiego diretto di corpi speciali sauditi e del Qatar sul terreno di scontro. Per quanto riguarda le truppe turche, invece, il primo ministro Tayyip Erdogan è stato costretto a fare marcia indietro, a causa delle pressioni dell’opinione pubblica interna, in maggioranza contraria alla guerra.

La Francia è sempre più convinta che l’unica soluzione per uscire da questa situazione sia introdurre la no-fly zone sui cieli siriani. Israele, invece, resta a guardare. Il capo di stato maggiore delle forze armate di Tel Aviv ha dichiarato che «Israele non si intrometterà in una questione interna di un Paese sovrano come la Siria». Aggiungendo: «Noi non parteggiamo per nessuno».

Franco Fracassi